Negozio di abbigliamento da surf per donne, uomini e bambini

Imposta ordine ascendente

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
Imposta ordine ascendente

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Che cos'è il neoprene?

Il nome neoprene è il nome generico di DuPont, che ha introdotto la sostanza nel 1938 per prima sul mercato. Il neoprene è una gomma sintetica, cioè una gomma fabbricata artificialmente. La sostanza è anche nota con i nomi chimici di gomma cloroprene, policloroprene o gomma clorobutadiene. Oggi, il neoprene viene utilizzato negli sport acquatici e nell'industria automobilistica. Il neoprene è ottenuto polimerizzando il cloroprene in policloroprene. Il risultato è una dispersione che precipita per acido e raffreddamento e viene quindi essiccata. Ciò forma i chip che vengono per ulteriore elaborazione nel commercio. Nell'area degli sport acquatici viene utilizzato principalmente il neoprene espanso, ottenuto mediante vulcanizzazione. Utilizzando agenti espandenti chimici e determinate temperature (inferiori a 160 ° C), le policloroprene schiumano e legano. Il risultato è un elastomero termoplastico. In questo neoprene sono distribuite molte piccole bolle di gas. Per questo motivo, questa sostanza è così isolante.

Proprietà e applicazioni

La dispersione di polimero e il policloroprene sono usati per adesivi. Il prodotto vulcanizzato è estremamente resistente, idrorepellente e resistente al calore, resiste all'infragilimento e agli agenti atmosferici. A causa di questa proprietà, questo materiale viene spesso utilizzato nell'industria automobilistica. Tra le altre cose, realizza seggiolini auto, cinghie di trasmissione, guarnizioni, tubi flessibili e guaine per cavi. Il prodotto vulcanizzato e quindi schiumato viene spesso utilizzato nel campo degli sport acquatici. La natura porosa del tessuto crea galleggiabilità e conferisce buone proprietà isolanti. Inoltre, più il tessuto è schiumoso e spesso, più è flessibile. Di conseguenza, è particolarmente adatto per la produzione di abbigliamento funzionale. Il neoprene viene utilizzato anche in edilizia e in casa. Ad esempio, borse per laptop o tappetini per mouse sono realizzati in neoprene. In agricoltura, le talee sono stabilizzate e protette dal neoprene.

Tipi di neoprene negli sport acquatici

Generalmente il neoprene è prodotto e utilizzato in diverse densità e punti di forza del materiale. Se viene utilizzato per l'abbigliamento, di solito è laminato con tessuto. Se la laminazione è solo all'interno, si chiama neoprene a pelle liscia. Spesso entrambi i lati sono laminati, il che cambia le proprietà a seconda del materiale. La doppia laminazione rende il tessuto più robusto, ma riduce l'effetto isolante. Per una maggiore flessibilità viene utilizzato anche il neoprene senza schienale. Nel frattempo, ci sono produttori che usano solo il cosiddetto neoprene calcareo. Nella produzione di questa variante, al posto del petrolio greggio viene utilizzato il calcare. Da qui il nome di calcare, il termine inglese per calcare. La società giapponese Yamamoto ha sviluppato questa versione a metà degli anni '50. Con questo nuovo tipo di produzione sono migliorate le proprietà dei materiali e l'equilibrio ambientale. La struttura del Neoprene calcareo è a pori fini. Pertanto, è anche idrorepellente, resistente al calore e durevole. Spesso si legge neoprene di tipo L o S. Questi termini sono solo un piccolo estratto della larghezza di banda in neoprene. La lettera si riferisce allo spessore del tessuto e quindi a proprietà allunganti e isolanti. Principalmente il neoprene viene lavorato con nylon e spandex.

mute

Prima che i vari sport acquatici diventassero hobby popolari nel secolo scorso, le persone e soprattutto i subacquei professionisti hanno usato mute da sub per proteggersi dal raffreddamento in acqua. Questi erano fatti di pelle e metallo. Solo più tardi è stato utilizzato il neoprene gommoso. Oggi si differenziano mute stagne e semi-asciutte (mute umide e semidrotiche) e mute stagne, utilizzate principalmente per le immersioni. Nel frattempo, le mute semi-asciutte sono diventate standard. Questi differiscono dalle mute con le cuciture incollate e sigillate, la cerniera fissata al pannello e i polsini. La tuta è molto vicino al corpo, in modo che l'acqua non possa penetrare. Laminando il neoprene, la pelle è protetta dal vento e con materiale impermeabile all'acqua inserisce completamente le bolle d'acqua in questi luoghi. Inoltre, la tuta è resistente al calore. Diverse miscele di materiali ottimizzano le proprietà di allungamento. Ciò migliora la libertà di movimento, che può essere limitata a seconda dello spessore del neoprene. Il neoprene più spesso viene utilizzato a temperature dell'acqua più fredde per proteggere meglio il surfista dal freddo. Inoltre, il taglio della muta dipende dalla temperatura dell'acqua ma anche dalle preferenze dell'atleta. Ci sono i cosiddetti shorty, che vengono indossati in primavera e, a seconda della media, anche in estate. Alla fine, lo sportivo acquatico può determinare quale lunghezza del pantalone indossa e se decide per le maniche lunghe o corte o rinuncia completamente. A seconda dello sport, viene fatta una distinzione se la cerniera è nella parte posteriore (cerniera posteriore) o nella parte anteriore (cerniera anteriore). Nel surf classico il surfista giace con la parte superiore del corpo direttamente sulla tavola. Quindi, una chiusura sul retro migliore. Se la temperatura esterna e dell'acqua scende al di sotto di 15 ° C, è necessario considerare gli accessori.

Cappuccio, guanti e scarpe in neoprene

Il corpo umano perde relativamente gran parte del suo calore sulla testa, sulle mani e sui piedi. Negli sport, solo quelle parti del corpo devono rimanere calde e flessibili. Pertanto, ci sono cappucci, guanti e scarpe in neoprene per proteggere l'atleta dal freddo. A volte ci sono tute che proteggono queste parti del corpo. D'altra parte, ha senso scegliere questi accessori che si adattino e necessitino esattamente. Per i guanti ci sono modelli regolari, ma anche guanti, tagli a 3 dita e varianti a mezzo dito. Anche con le scarpe in neoprene, i produttori presentano numerose varianti per soddisfare le esigenze individuali degli appassionati di sport acquatici. Che si tratti di calzini neo, neo-stivali con stelo alto: le scarpe sono sempre lavorate di alta qualità, ma differiscono per forma, spessore, chiusura e altre caratteristiche come le aree della caviglia rinforzate e altri inserti in materiale, ad esempio una maggiore presa. Inoltre, le scarpe spesso servono come protezione. Alcuni hanno una suola in aramide speciale, meglio conosciuta con il nome di Kevlar, che protegge il piede da parti di scogliere affilate, ricci di mare e altri.

Per tutti i prodotti in neoprene, tuttavia, è importante prendersi cura in modo adeguato. Soprattutto dopo l'uso in acqua salata, è estremamente importante risciacquarli e asciugarli all'aria in modo che possano dimostrarsi compagni di lunga durata e fedeli durante la navigazione.